Grande amarezza per i risultati negativi del Milan, ma tutto l’ambiente è compatto, come tende a precisare L’allenatore.

Mr.Fortes: “Pensiamo a vincere e a migliorare la classifica. La squadra va bene così, il mio calciomercato è tirare fuori il meglio dai miei calciatori e non perdere nessuno per infortunio… I miei 25 anni? Rinuncio al regalo per un posto in Champions l’anno prossimo.”

L’aspetto importante su cui insiste Fortes è quello di dare un’identità solida alla squadra, magari ripartendo da quanto espresso di buono nell’ultima parte del girone di andata: “Non m’interessa quello che c’è intorno, dobbiamo pensare a vincere qualche partita e a migliorare la classifica – ha dichiarato l’allenatore rossonero – la squadra può fare molto di più, ci possiamo esprimere in modo migliore. I ragazzi devono avere la consapevolezza che siamo solidi. E’ vero, la classifica in campionato non rispetta le nostre attese, ma siamo agli ottavi di Europa League, dopo che ci siamo posizionati primi nel girone. Dovremo pensare a fare del nostro meglio anche in campionato per poter provare ad agguantare almeno i preliminari di Champions. Ci dobbiamo provare..”

Continua il mister: “Ogni giornata sono in difficoltà nello scegliere la formazione e, di conseguenza, il modulo perché tutti lavorano bene e si impegnano per avere un posto da titolare. Ci può stare che Kimpembe parta dal primo minuto. Sicuramente  deve ancora migliorare, ma ha davanti a lui un futuro roseo. Certe volte l’ho impiegato terzino ma il ruolo che fa meglio è quello che ha ricoperto nelle ultime uscite. Guedes? Mi sorprende il fatto che abbia lavorato anche nei giorni di vacanza, nonostante i tanti infortuni della prima parte della stagione. Ce l’ha messa tutta, questo fa capire le motivazioni che ha. Anche Vietto ha grandissima voglia. Poi si parla poco di Milinkovic, per l’età che ha e per come interpreta il calcio è un giocatore incredibile.”

Dimenticare la Supercoppa Italiana: La priorità è ripartire subito al meglio e cancellare con una vittoria la sconfitta maturata nella Supercoppa contro l’Atalanta:

“Voglio tranquillizzare i nostri tifosi: la squadra l’ho trovata dispiaciuta e amareggiata ma non c’è nessun caos, c’è stata solo una brutta sconfitta. E’ chiaro che è stato un brutto ko, la squadra ha fatto vedere di non aver perso questo vizietto, queste piccole ricadute le paghiamo a carissimo prezzo, come si è visto anche nel Mondiale per Club e in Coppa Italia. Tuttavia nella  squadra c’è disponibilità e attenzione a lavorare per fare il bene del Milan. Calciomercato? Beh, Stiamo bene così, ma osserveremo comunque le opportunità di mercato. Infine, aggiunge, l’allenatore del Milan: “Magari avessimo il fatturato dell’Atalanta..”.