A volte può essere una scelta “dolorosa, ma necessaria” e per Adrien Rabiot e lo Schalke 04 questo momento sembra essere giunto.

Questa è una stagione molto negativa per il club di Gelsenkirchen, sconfitto da quasi tutti gli avversari fino ad ora affrontati e malinconicamente confinato in penultima posizione e le prestazioni del centrocampista francese ne sono un emblema. L’anno scorso, di questi tempi, l’ ingresso in pianta stabile del 23enne tra i titolari era stato l’innesco di una stagione incredibile, conclusasi con la doppietta campionato e coppa tedesca. Significativo, in questo senso, era stato il primo gol stagionale, segnato proprio da lui al Bayern Monaco, con un gran sinistro dalla distanza.

Quest’anno, però, Rabiot non riesce a trovare continuità di prestazioni e così il suo agente e la dirigenza stanno prospettando l’ipotesi di concedergli di giocare la seconda parte di stagione in un’altra squadra.

Centrocampista polivalente, fisicamente molto strutturato e dotato di un piede sinistro di qualità sopraffina abbinato ad una tecnica non comune e a doti difensive non di secondo piano, la formula per questa separazione -solo momentanea? chissà-  sarebbe quella del prestito oneroso.

Uno come lui, vg 83 e spesso freccia verde, potrebbe fare comodo ai centrocampo di molte squadre… Che succederà?