Questa Sampdoria partiva tra le favorite della Serie A dopo l’arrivo del mister Brenca ma la partenza è stata addirittura al disopra delle aspettative.

I tifosi, con l’arrivo del giovane tecnico salernitano, erano entusiasti e quest’atmosfera quasi surreale non si è dissolta visti i risultati convincenti di questa prima metà di stagione. Ma analizziamo competizione per competizione, questa Sampdoria cosa è riuscita a fare.

In serie A la Sampdoria guida la classifica con 22 punti vincendo tutte le partite tranne che lo scontro diretto finito 2-2 con la seconda in classifica, il Milan di Gigi Ryo. Un dato da riportare sono i 28 gol fatti e i soli 4 subiti.

In Champions League i blucerchiati passano primi in classifica con un testa a testa da brividi col Monaco di mister Silvestre. Ai quarti ci sarà un Sampdoria – Leeds, guidati da due allenatori che hanno già diversi scontri diretti tra loro, sarà sicuramente un match spettacolare da non perdere.

Capitolo Mondiale per Club: dopo i primi passaggi di turno ai danni del PSV e della Juventus, agli ottavi va di scena un big match dove mette di fronte due compagini vincenti quali appunto Sampdoria e Psg, di mister Francesco Santonastaso. Quest’ultimo ne esce vincitore meritatamente ed è proprio qui che la Sampdoria subisce la prima sconfitta stagionale.

In Coppa Italia la semifinale, da giocare, mette di fronte la Sampdoria contro l’Inter di Tafuro, mister molto stimato dal tecnico salernitano.

La Sampdoria e i suoi tifosi grazie alla guida di Brenca stanno sognando ma il mister chiede all’ambiente di tenere i piedi per terra, perché solo tramite l’umiltà si possono raggiungere risultati importanti e quindi a Genova si vola basso…con la consapevolezza che il divertimento è assicurato.