ISCO SI, significherebbe tenere ancora un anno lo spagnolo a Barcellona, sempre più leader, sempre più forte, sempre più stella del calcio mondiale. Ma comporterebbe un aumento considerevole del tetto ingaggi e questo porterebbe la società ad affannarsi per chiudere in positivo il bilancio.

ISCO NO significherebbe perdere tutte le qualità sopra citate, significherebbe abbandonare una bandiera che ha incantato il pubblico facendolo innamorare del suo estro e la sua genialità. Risanando, però, il bilancio.
Magari portando nuova linfa, con un budget che aumenterebbe, per aumentare così la qualità generale della rosa.

L’ipotesi più gettonata per ora è che mister 21 milioni resti in terra blaugrana, vuoi perchè di veri estimatori ce ne sono pochi, vuoi perchè il suo costo è veramente alla portata di pochi.
Se il club di mister Silvestre vuole davvero trattenere il mago spagnolo, bisogna coronare una stagione con tanti successi.

Isco Si, Isco No, cari elettori… Porterà in entrambe le opzioni situazioni interessanti, ciò che il mercato porta nel cuore dei tifosi.
E stando alle parole di mister Silvestre: “Dovunque o comunque andrà, ciò che resterà, è la volontà di tenere vivo il battito dei nostri tifosi

Da Barcellona… Almeno per ora è tutto.