Inizio stagione 10 shock per il Werder Brema. La squadra doveva affrontare due impegni fondamentali, la supercoppa di Germania e il preliminare di Europa League: da entrambi gli impegnigli uomini del tecnico Perillo escono sconfitti.

Vediamo meglio come è andata!

 

Supercoppa di Germania

Va in scena subito lo scontro con gli uomini di Daniele Russo. Partita sulla carta molto complicata.

Gli uomini in verde si schierano con il classico 4-3-3 mentre il Bayern si schiera con un 3-5-2 con uniche punte i velocisti Messi e Willian. Il Werder gioca bene tutta la partita trovando anche il vantaggio dopo aver avuto diverse occasioni, la squadra rischia poco e niente dietro ma improvvisamente subisce il gol dell’1-1. Gli uomini in verde però appaiono sempre pericolosi avanti senza però riuscire a concretizzare le occasioni ricevute; la doccia gelata arriva sull’unico errore della difesa, subendo così al 77esimo il gol del Bayern. A quel punto il tecnico Russo decide di chiudersi dietro e con mancanza di spazi non ci sono più occasioni per gli uomini di mister Perillo. La supercoppa è baverese.

 

Preliminare di Europa League

In scena il fondamentale preliminare di Europa League che porterebbe alla società sia la partecipazione alla coppa ma anche importanti introiti. I tedeschi in campo con il solito 4-3-3 si trovano di fronte la squadra olandese che gioca con un modulo completamente atipico che nulla ha a che fare con il calcio.

Un modulo che impedisce la costruzione di gioco e rende la partita un assalto alla bastiglia. Gli uomini del Werder cercano in entrambe le gare di trovare il gol. Nella prima partita un cinico quanto fortunoso (e forse aiutato dal gioco) Ajax trova 4 gol nelle uniche occasioni create mentre i tedeschi non sfruttano le tante occasioni create.

Nel ritorno ancor più grande la beffa: i tedeschi ci provano in tutti i modi a cercare il gol ma gli olandesi resistono fino alla fine con una difesa che sembra più quella a guardia di fort knox, finisce con un solo gol all’attivo ma tanti rimpianti.

Il mister Perillo rilascia una frase che farà riflettere “se questo deve essere il project, un luogo dove impedire il gioco e il divertimento pronti a lasciar posto ad altri”.