Il leone domina la savana con possenza e prepotenza, scruta da lontano e attacca quando e come vuole, si il leone, perchè nessun altro animale si può paragonare meglio ad Arturo Vidal.
Si passa da un possibile addio ad una permanenza rilevante, quasi come un riacquisto, con la voglia e la cattiveria di un ragazzino agli esordi, corsa pressing leadership, ma soprattutto gol, a raffica, come un attaccante, 5 in campionato nel solo girone di ritorno, più altrettanti in intertoto.
La realtà è che la società non ha mai “voluto” cederlo, ma era un problema prettamente economico (tanto per cambiare) lui è e rimane un top, non finito, come volevano farci credere gli altri manager, ma nel pieno della sua forza e maturazione, con un carisma che pochi possono vantare. Se la Fiorentina si è rialzata lo deve soprattutto a lui.

Leone