Dell’inizio di stagione degli uomini del tecnico Partenopeo ne parleremo in un altro articolo, in quanto ci sono diversi argomenti da sviscerare. Oggi parleremo di altro. E’ stata indetta una conferenza stampa per la presentazione del nuovo super colpo del tecnico. Si tratta del giocatore più forte del calcio moderno, il più completo, l’argentino che tutti vorrebbero…Signori e signore ecco a voi Leo Messi. Trattativa sanguinosa costata ben due top player uno a cui il tecnico non avrebbe mai voluto rinunciare ovvero Lorenzo Insigne pupillo del mister cresciuto in questi anni e diventato ormai un top affermato. L’altro il bomber dei bomber il Matador Cavani i numeri parlano per lui.

Mister da dove è nata questa trattativa?

“Bè dovevamo per questioni di bilancio cedere qualche top, sulla lista i più ricercati erano proprio Lorenzo e Cavani, ma le offerte arrivate non erano delle migliori. Alcune offerte erano buone ma le trattative erano in stallo. Così abbiamo pensato ad un colpo ad effetto. Portare a Londra il più forte di tutti. Contattato il tecnico Fumo non è stato semplice, dopo però giorni di trattative è arrivata la fumata nera.”

Cosa vuol dire ai partenti?

“Li voglio ringraziare per gli anni spesi qui, soprattutto Lorenzo era ormai la nostra bandiera, gli auguro il meglio e di alzare qualche trofeo. Cavani ha sposato la nostra causa in un momento non buono, ma si è sempre dimostrato preparato al sacrificio.”

Parliamo di Messi.

“Bè cosa posso dire, si è presentato in punta di piedi, mi aspettavo una superstar invece è un ragazzo umilissimo, si è detto pronto a sfidare le corazzate inglesi e in futuro a cercare di andare avanti in Europa. Avrà un ruolo fondamentale in questa squadra, vogliamo conquistare la salvezza quanto prima possibile, per poi pensare ad una nuova stagione diversa.”

Come pensa di giocare?

“Bè abbiamo provato diversi esperimenti, ho ancora qualche dubbio, l’idea è di metterlo nel vivo dell’azione ovvero come prima punta, sono indeciso se puntare ad un attacco a 3 o a due insieme a Quagliarella, sarà il campo a dire poi come giocheremo.”

Allora Leo cosa ne pensi di questa nuova avventura?

“Voglio innanzitutto ringraziare i miei tecnici precedenti, che mi hanno aiutato a crescere. Avevo bisogno di cambiare dopo tanti anni in Germania, volevo una nuova sfida, e quale occasione migliore di approdare in un grande club come l’Arsenal nel campionato più seguito al mondo. Spero di dare tanto a questa squadra e vorrei alzare qualche trofeo. Ringrazio i tifosi per l’accoglienza caldissima in questa splendida città. “

COME ON GUNNERS!