Alla vigilia dell’inizio di campionato in casa Nantes è tempo di fare il punto sul mercato appena terminato e sulla disposizione tattica da schierare in campo.

Il mercato in entrata è stato sicuramente caratterizzato dall’arrivo del centrocampista ivoriano Yaya Tourè decisamente un innesto di valore assoluto. Altri due innesti di esperienza come il terzino Holebas e L’attaccante Adebayor, sulla fascia è arrivato il velocista Elia, In ottica futura è stato fatto un investimento sul giovane Amartey. La società ha voluto mantenere la solidità del gruppo effettuando poche cessioni: lasciano il club Hinteregger, Nakoulma, N’diaye e Souaré.

Parlando del campo e del precampionato che non è stato convincente tanto che il mister è stato portato ad un cambio modulo, la soluzione tattica con la quale la squadra scenderà in campo è il 442.

In porta l’affidabilità di Begovic.

Al centro della difesa il pilastro Matip sarà affiancato da Kouyate arretrato in difesa dopo le non convincenti prestazioni di Ogbonna. I terzini saranno Holebas e Widmer.

In mediana il fulcro del gioco passerà dai piedi di Yaya Tourè che sarà spalleggiato da Thomas Partey. Gli esterni di centrocampo saranno il velocissimo Bolasie e il tecnico A. Ayew.

Una delle motivazioni principali che hanno portato al cambio di modulo è stato il rendimento di Keita Balde che, schierato attaccante con la possibilità di giocare più vicino alla porta, ha incrementato il suo indice di pericolosità. Per questo giocherà come falso nove vicino Kevin Prince Boateng, che in questa posizione senza dare punti riferimento all’avversario favorisce la manovra e la costituzione di azioni offensive.

Inoltre il mister potrà contare su una panchina di tutto rispetto. Manca poco all’esordio ufficiale e nell’ambiente si respira un aria speranzosa, non ci sono obiettivi prestabiliti ma l’intenzione è quella di essere una squadra scomoda per tutti anche per i più forti. Per i tifosi non rimane altro che andare allo stadio per tifare Nantes.