Anche l’ultima stagione di Fifa18 è finita e noi siamo ancora qua con lo Special Whites a tirare le somme della stagione

I: “Mister, anche questa stagione è finita non benissimo”

SW: “Si, ha ragione. Abbiamo fatto schifo in Europa e non abbiamo vinto nulla in patria. Ah, indovini un pò? Questa sarà stata anche la sua ultima e unica domanda di questa conferenza. Adesso iniziamo un bel monologo.

In principio una premessa: i pensieri esposti oggi sono stati rimuginati, masticati, elaborati e pensati da oltre 3 settimane, da circa la chiusura del mercato. Pertanto tutto ciò che dirò lo avrei esposto anche in caso di vittoria.

Punto uno: sono due stagioni su tre che la Premier vive situazioni anomale, situazioni che falsano il campionato e incidono sull’andamento delle squadre.
Partiamo dalla seconda stagione dove mr.Tafuro viene esonerato e la rosa completamente stravolta, cambiano non solo le gerarchie della stagione ma anche le forze in campo. Andiamo avanti e vediamo che per la seconda stagione consecutiva il tecnico del Chelsea Di Sabatino sbrocca, cala le braghe e perde quasi con chiunque falsando la classifica.
Ma almeno non eravamo al livello della Bundesliga con i suoi milioni di tavolini…

Punto due, col quale arriviamo a questa stagione dove si presentano altri problemi:
– squadre che abbassano il vg in maniera volontaria puntando tutto sui 74;
– squadre che avrebbero anche giocatori buoni ma meglio usare i 74;
– squadre che hanno connessioni random, a volte bene e a volte male. Ma tanto si è perso in entrambi i casi e non è la prima stagione che accade;
– squadre allenate da maleducati che prima cercano il tuo appoggio e poi ti insultano se gli spiattelli la verità. Ma evidentemente è giusto così, quando non si ha nulla in mano si passa alle parole;
– squadre, ben due questo giro, che mollano la competizione falsando il finale di stagione diminuendo le partite perchè tutti possano giocarsi le posizioni che contanto;
– poi potremmo aggiungere le simulazioni, anche a favore, i tavolini vari sia in Premier che in Coppa…

Punto tre, quello conclusivo. Io, lo Special Whites che di Special ha ormai ben poco, chiedo a voi: che deriva sta prendendo questo torneo? E’ giusto continuare? E’ meglio lasciare?

Questa risposta la avrò a settembre, ora come ora non so se resterò allo United, se resterò nel torneo, se comprerò Fifa, se farò qualcosa.
Nell’ipotesi peggiore lascerò una bella eredità fatta di giocatori fenomenali come Kane e Hazard, e di giovani fantastici come Rashford, Bailly e Lozano.
Giocatori che tutti vorrebbero avere ma che pochi possono e potranno mai permettersi.

Ora penso alle mie vacanze, a settembre riparleremo di tutto. Forse.”