Un buon girone di andata p er l’Everton di mister Agostinelli. Si chiude al quarto posto con 13 punti al fianco del Manchester City. Quattro vittorie e quattro sconfitte contornate da un solo pareggio maturato contro il West Ham, questi i numeri che però evidenziano come la squadra continui ad avere piu problemi nel reparto arretrato con la differenza reti a -4 con 21 gol subiti e 17 fatti.

L’inizio di stagione è stato turbolento per squadra e tecnico che non riuscivano a trovare la quadra in campo e i giocatori sembravo rigettare il 4-3-1-2 che da anni accompagnava il mister. Così la decisione di passare al 4-3-3 stretto con il centrocampo composto da mediani di qualità come Lucas Leiva e Luiz Gustavo a fare legna in mezzo al campo e sopratutto smistare il più velocemente il pallone in avanti sfruttando anche le avanzate dei due terzini Semedo e Lukaku. Il terzo di centro campo, ormai titolare inamovibile è stato il nuovo acquisto sul mercato Jack Bonaventura che cerca di sfruttare la potenza e qualità per arrivare al tiro dal limite.

Dele Alli abbandona il ruolo di trequartista e si affianca alle due punte nei tre stretti davanti facendo da anello congiutivo con il centrocampo e trovando piu spesso la via del gol per lo spazio che le due punte gli creano. Nel complesso l’arrivo di un centravanti come Benzema ha sbloccato un pò la squadra al gol con le punte che ora ne porta 6 con il Francese e 8 con Ciro Immobile che ancora non aveva mai offerto prestazioni simili con il tecnico.

Nelle competizione oltre nazione purtroppo la squadra non ha trovato i risultati sperati. In Europa League il ritorno è stato un disastro chiudendo il girone con un solo misero punto lontanissimi dal poter giocarsela con i propri avversari. Nel mondiale per club si supera almeno il primo tuno ma non si va oltre i sedicesimi davanti un Leverkusen impressionante.
Procede il cammino nella Carabao Cup nelle mura nazionali dopo aver raggiunto le semifinali con la speranza di sognare la lotta per un titolo.

Lo sguardo va ora al girone di ritorno e cercare di restare il piu competitivi possibile e trovare un piazzamento lotanto dalla zona retrocessione e sognando un pò di europa per il futuro.