Rouge & Noir!

Sta per iniziare l’ottava stagione ed il Rennes per la prima volta si presenta ai nastri di partenza con lo scudetto cucito sul petto. Ogni anno l’equipe bretone ha fatto parlare di se più per le beffarde sconfitte che per gli improbabili successi, attesi con entusiasmo e costantemente delusi.

La curiosità dei tifosi è se, già a partire dal primo match di Trophee des Champions contro il fortissimo PSG, i campioni in carica sapranno perseguire la strada e la mentalità del girone di ritorno della stagione 2017. Tutto questo verrà scoperto dopo il mercato, dopo aver definito obiettivi e strategie su cui la società sta lavorando da diverse settimane.

La squadra sembrerebbe orientata a mantenere l’ossatura di sempre, almeno nei punti cardini come Pogba, Dembélé e Aubameyang, ma sappiamo che il mercato può riservare sempre sorprese anche perché la crescita di svariati talenti potrebbe costringere la società a qualche cessione dolorosa, sia tecnica che per esperienza. Il sistema di gioco sarà sempre un mix di schemi e tattiche, partendo da un 4231 ma all’occasione trasformabile in 433 e 442: in porta sarà duello tra Mandanda ed Areola, quest’ultimo sempre più titolare e dopo anni dietro l’esperto Steve vorrebbe finalmente una chance per imporsi.

I terzini sono confermatissimi e solidissimi: Aurier e Alex Sandro garantiscono gamba e qualità, mentre a Baba, al rientro da un brutto infortunio, verrà concessa ancora una possibilità. La difesa centrale punta su 3 DC di buon livello, anche se la nuova stagione registra un leggero calo di VG: Sakho, Zouma e Umtiti restano di sicuro affidamento ma nessuno dei 3 può sentirsi titolare. Resta da definire chi sarà il quarto centrale in rosa, la sfida è aperta tra N’Koulou ed il giovane Gnagnon che potrebbe fare il salto in 1° squadra.

Il centrocampo è il reparto più completo e forte, e soltanto la scelta del modulo deciderà chi dovrà restar fuori tra Vidal e Tolisso, considerando Pogba inamovibile. Proprio su King Artur ci sono i maggiori rumors di mercato, non essendo un segreto che il cileno è molto ambito da diversi club e potrebbe diventare una preziosa pedina di scambio o un jolly di liquidità. Dietro i titolarissimi troviamo l’esperienza di Cabaye, la grinta di Wakaso, la forza di Moussa Sissoko e la gioventù di Gbamin. Molto probabile che in questa zona di campo si concentreranno le principali operazioni di mercato in uscita.

Gli esterni offensivi poggiano le loro certezze sulla qualità di Ousmane Dembèlè, la fantasia di Nabil Fekir e Julian Draxler e la velocità di Coman. Anche qui, con la scalata in prima squadra di Kamano potrebbero esserci dei movimenti di mercato. Il ruolo di centravanti è monopolizzato da Pierre Aubameyang, il gabonese anche quest’anno sarà la punta di diamante del club! Il suo vice in partenza sarà Mario Gomez, nonostante il tedesco ed il suo procuratore abbiano più volte chiesto la cessione per permettere a Super Mario di giocare più minuti. La società che vuole accontentare il bomber sta valutando la crescita di Moussa Dembélé da impiegare come prima alternativa ad Auba. L’ultimo attaccante in rosa è Jordan Ayew, anche per lui le voci di una cessione sono frequenti…anche perché il giovane Augustin scalpita per guadagnarsi un posto in prima squadra.

Le luci del Roazhon Park si stanno accendendo…pronti a partire!

 

VIVE LA FRANCE